dalla quinta conversazione

L’esperienza.

La parola esperienza deriva dalla parola latina experientia, che a sua volta deriva da experiens, participio presente del verbo experiri che significa sperimentare.

Potremmo provare, ai nostri fini, a defnire l’esperienza come la conoscenza acquisita mediante un diretto e perciò non mediato vissuto.

Detenere esperienza è volano per ulteriori crescite ma può anche essere gabbia esiziale.

Posseggo esperienza, ergo la adopero allo scopo di migliorare la mia performance, allo scopo di governare celermente e bene l’avvento di nuovi scenari e quindi l’analisi smart di nuovi fenomeni, la metto al servizio di quanti ne detengono in misura minore e quindi gli abilito calibrate shortcuts. In questi casi la mia esperienza è fruttuoso enabler sul percorso del miglioramento continuo e della tensione all’eccellenza.

Attenzione, sovente si impatta su persone che sprecano non scientemente l’assett dell’esperienza, esso capovolgendo in nocivo fardello. Sono coloro i quali in un dato giorno, un giorno triste di quelli in bianco e nero, decidono che nulla più hanno da imparare e che d’ora innanzi vivono di rendita, la rendita dell’esperienza. Da quel momento il loro sapere non cresce e quindi naturalmente decresce. E più decresce, più probanti sono le manchevolezze di performance da ciò cagionato e più costoro, nell’argomentare il perchè del loro comportamento, pontificano e fanno appello alla loro esperienza.

Stralcio di un dialogo, se non vero comunque verosimile, tra un detentore di esperienza (DE) ed un costruttore di esperienza (CE).

CE: probabilmente, per come sto osservando da un po’ di giorni l’attuazione della procedura, io proverei a modificarla in alcuni step per velocizzare il flow

DE: stai scherzando ? la procedura va bene così e non potrebbe andare meglio

CE: secondo me, invece, potrebbe andare meglio, potremmo almeno fare qualche test

DE: ma quale test e test ! ma tu lo sai quanta esperienza ho io ?

CE: e tu sai dove dovresti mettertela tutta questa esperienza ? [CE è persona educata; quest’ultima frase l’ha solo pensata, non l’ha profferita !].

 

 

 

 

   

dalla quinta conversazioneultima modifica: 2009-10-03T08:58:00+00:00da vidanto
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “dalla quinta conversazione

Lascia un commento