dalla quarta conversazione

Internet.

Si fa presto a dire: “Internet” !!

Proviamo ad individuare le connotazioni salienti di questo oggetto misterico, procedendo in guardinga e non solitaria marcia di avvicinamento verso di esso.

Primo effetto: abilita il traffico di bit, a sostituzione in tutti i casi in cui ciò sia ragionevolmente possibile, del traffico di atomi. Se compro un prosciutto (DOP, beninteso !) mediante funzione di e-commerce, il prosciutto deve viaggiare e la sua delivery a casa mia non può non essere il trionfo degli atomi a beneficio del mio palato. Documenti contabili ed importo a saldo transitano come bit, non vi è supporto cartaceo, non vi è cash, non vi è assegno bancario.

Secondo effetto: collaterale (obliquo ?) al precedente. Comunico con i bit e non con gli atomi. Caso esemplare la posta elettronica. Qualcuno ricorda sembianza e tattilità di busta e foglio, nonchè relativa affrancatura onerosa ? Io credo pressochè tutti noi; ma, appunto, è un ricordo e non fa più parte del nostro modo di comunicare.

Terzo effetto: la disintermediazione, ovvero l’espulsione dal business di soggetti a prevalente ruolo di intermediazione arrecanti valore poco significativo. Nel contempo, però, la gemmazione di soggetti anch’essi di intermediazione, ma con elevato valore aggiunto e con evidente expertise nella creazione di valore scaturente dalla gestione di informazioni che diventano conoscenza.

Quarto effetto: l’intrusione di dubbio atroce, il seguente: è ancora vero che v = s/t ? E se non è più vero, quale riallocazione paradigmatica faccio ripensando al mercato di riferimento di un’azienda ?

E qui ci interrompiano. E qui, temporaneamente, ci interrompiamo.

dalla quarta conversazioneultima modifica: 2009-09-22T08:33:00+00:00da vidanto
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “dalla quarta conversazione

  1. La fisica classica è come una bella donna che sa di invecchiare. Già conosce il suo destino, segnato dalla nascita del messia internet. Essa è pronta a soddisfare le voglie di modifica dei navigatori , non certamente solitari , vista l’universalità del veicolo informatico.

Lascia un commento